skip to Main Content
Il porto di Anversa, nel corso degli anni, ha accumulato un'enorme quantità di sedimenti con la conseguente riduzione della navigabilità. Inizialmente questi sedimenti sono stati rimossi tramite dragaggio e smaltiti in lagunaggi ma, con il tempo, questo metodo è diventato insostenibile per due motivi:
  • non c'erano più posti per contenere i sedimenti dragati.
  • il terreno a contatto con il sedimento, spesso inquinato, si saturava di sostanze tossiche e c'era la possibilità di contaminare anche le acque sotterranee.
Dopo un'analisi dettagliata di diverse tecnologie (incluse, tra le altre, le centrifughe, le presse a nastro) la scelta fu per le filtropresse. I fattori determinanti per questa decisione sono stati l'alta flessibilità dell'attrezzatura e l'ottimo costo totale di proprietà. Il cliente ha scelto Diemme® Filtration come partner basandosi su diversi criteri:
  • Affidabilità dell'azienda e del prodotto.
  • Raggiungimento delle garanzie di prestazione.
  • Capacità produttiva in grado di rispettare i tempi del progetto.
  • Rispetto dei criteri del progetto.
  • Atteggiamento flessibile e cooperativo.
Questo impianto all'avanguardia con 12 linee di filtrazione con filtripressa GHT.2000.P19 è in funzione da oltre un decennio e lavora fino a 600.000 t/a di solidi secchi.
Anno: 2009
Paese: Belgio
N. e modello di macchine impiegato: n. 12 GHT 2000.P19 MEM Diemme® Filtration

Vuoi un parere
dai nostri specialisti?

Contattaci
Linkedin Facebook Instagram Youtube